Vai a…
RSS Feed

12 novembre 2018

Palazzolo. L’albo dei musicisti, il fermento dei giovani e una città senza teatri: intervista a Jacopo Bertoli, presidente di TerzArmonica.


Facebooktwittergoogle_plusmail

INTERVISTA A JACOPO BERTOLI DI TERZARMONICA

Dopo l’intervista all’associazione teatrale TeatroFlautoMagico (della quale torneremo presto a parlarvi) questa volta tocca a TerzArmonica, associazione culturale che si occupa di musica e musicisti e al suo presidente Jacopo Bertoli:

(blog): Bertoli, Cos’è Terzarmonica? Come nasce il progetto?
(J. Bertoli): TerzArmonica nasce come associazione, ma intende essere e diventare molto di più:

– un punto di incontro per far rivivere la realtà artistica palazzolese e per far tornare alle buone abitudini culturali e musicali la nostra città..
– un calderone dal quale far emergere idee (buone, curiose, interessanti o innovative), progetti e proposte concrete
– uno strumento per sensibilizzare, crescere e conoscere
– il mezzo per creare un polo che soddisfi le necessità tecniche dei giovani musicisti dell’ovest bresciano (e dell’est bergamasco), in collaborazione con chiunque ne comprenda il valore (privati, enti e Amministrazione)

(blog) Cos’è l’albo dei musicisti? E’ vero che l’idea piace e state avendo ottimi riscontri??

(J. Bertoli): L’albo dei musicisti è uno strumento che permetterà a tutti di conoscere quali sono le potenzialità musicali della nostra popolazione, che aiuterà lo sviluppo di nuove forme artistiche, di creatività e soprattutto di intercomunicazione tra i soggetti interessati.
Nasce come semplice catalogo, che verrà presentato in forma informatica di facile accesso, ma intende poi divenire un vero e proprio strumento operativo per la creazione di eventi. inoltre assume la funzione di archivio storico delle attività musicali del territorio.

(blog) Quest’estate le iniziative canore hanno avuto una risposta di pubblico inaspettata. O era un successo prevedibile?

(J. Bertoli): Il successo, a posteriori, si poteva considerare garantito, nota l’importanza e la qualità delle realtà intervenute. data anche la grande richiesta di novità nella nostra città.
Non si può nascondere però che la forte tendenza di Palazzolo a Dimenticare e Trascurare, unita all’incapacità di molti soggetti promotori di svincolarsi al mero fattore economico, abbia dato all’epoca molto a cui pensare.. promuovere queste iniziative non è un Costo. E’ un Dovere.
Terzarmonica si prefigge proprio l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica in questo senso..

(blog) Cosa significa fare musica oggi? 
(J. Bertoli): Fare musica oggi significa migliorare e migliorarsi.
Significa intraprendere un percorso di maturazione personale, per chi ascolta e per chi suona.
Purtroppo fare musica significa anche scontrarsi con chi non sa riconoscere il valore oggettivo e soggettivo dell’arte; con chi non vuole riconoscere la potenzialità  di questa in un processo di ricostruzione e rinvigorimento morale della società.
Senza musica e senza arte il nostro paese non sarebbe nulla di quello che viviamo oggi.
(blog) Qual è la più grossa difficioltà per un musicista emergente?  
(J. Bertoli): Ancora una volta la più grande difficoltà per un musicista è trovare un ascoltatore ed un promotore disinteressati, che non pensiono solo all’economia del locale, del teatro, o della piazza; quanto all’essenza reale della produzione artistica.

Basti pensare che in una città, punto cardine come Palazzolo, non vi sono Teatri Adeguati, non vi sono locali con musica Live (eccetto qualche valida nuova proposta), non vi sono Palazzetti ben strutturati, ecc.

(blog) Quali saranno i prossimi passi dell’associazione e dove possiamo incontrarvi?
(J. Bertoli): I prossimi passi dell’associazione saranno corti ma decisi:
primo, promuovere eventi, piccoli e grandi: intendiamo organizzare concerti e manifestazioni tutto il prossimo anno per sondare il terreno e fare conoscere a tutti i musicisti della zona le nostre intenzioni.
Secondo, creare una rete di comunicazione tra associazioni e realtà indipendenti per poter produrre idee e materiale nuovo e, se possibile, innovativo.
Terzo, trovare sostenitori, tra i privati e nelle amministrazioni.
Essendo ancora in fase costruttiva, non disponiamo ancora di una sede efficace e funzionale, il metodo più semplice per contattaci e conoscere le nostre proposte è sicuramente quello mediatico: internet primo fra tutti. ricordo a tutti il sito WWW.TERZARMONICA.IT e la nostra pagina Facebook.
Grazie mille per l’interessamento!

Altre storie daIntervista