,

QuiPalazzolo: da oggi recensioni di libri, film e teatro.

Il blog si arricchisce ogni giorno di più di visite e commenti. Tante le idee, le segnalazioni e i suggerimenti che giungono via mail. Alcuni di questi, a breve, diverranno vere e proprie collaborazioni con utenti che entreranno effettivamente a far parte della redazione di QuiPalazzolo.
La sezione che vogliamo presentare oggi è quella relativa alle recensioni. Le recensioni di libri, in particolare, troveranno una finestra ogni mese sul Giornale di Palazzolo. Per inviare le tue recensioni scrivi a quipalazzolo@gmail.com. Ecco, di seguito, la prima recensione della nuova sezione:

Il libro di Natale
“Neve”, di Maxence Fermine

a cura di Fabio Di Benedetto

“Sì, una donna. Perché l’amore è l’arte più difficile. E scrivere, danzare, comporre, dipingere sono la stessa
cosa che amare. Funambolismi. La cosa più difficile è avanzare senza cadere. Soseki, invece, alla fine cadde per via dell’amore per una donna. Ma l’arte lo salvò dalla disperazione e dalla morte. E’ una lunga storia, credo che ti annoierebbe. “No,” implorò Yuko, “ti prego, raccontamela!”

Così ha inizio il viaggio appassionato e romantico del poeta Yuko. Yuko, Soseki, Neve. Questi i tre protagonisti di un libro che si legge tutto d’un fiato. Delicato, essenziale, bianco. Lo acquistai perchè il protagonista, Yuko, era un poeta e sui poeti si scrivono tante banalità. Ma Fermine riesce a smarcarsi dalle ovvietà e a creare una storia semplice e profonda, fuori dal tempo.

Perno della storia è una donna, una funambola morta tra i ghiacci tanto tempo fa: Neve. Una donna capace di camminare nell’aria e di far innamorare il samurai Soseki. Principio e fine di un uomo che l’avrebbe aspettata per tutta la vita fino all’imprevedibile riconciliazione finale. Neve, però, non è solo il nome della protagonista ma il profumo che si respira in ogni pagina.

Lo stile e l’ambientazione sono orientali. Le frasi brevi, morbide. Il finale per nulla scontato. Neve è una favola che parla di amore, morte, arte e vita. Un viaggio incantato alla ricerca di se stessi.