,

Parco di San Giuseppe a (dis)misura di bambino

a cura di Paolo B.
Tempo fa sulle pagine della stampa locale e sulle colonne di questo blog leggevamo le dichiarazioni di esponenti dell’amministrazione comunale circa l’imminente inizio dei lavori di riqualificazione del parco di San Giuseppe, da anni in palese degrado a causa della (solita) carenza di manutenzione alle strutture.

Sono passati giorni, settimane, mesi e lo stato del parco è sotto gli occhi di tutti i residenti del quartiere.

Io, su segnalazione di un’amica che mi ha fornito gli scatti, vi propongo queste foto eloquenti. Ai pazienti lettori di questa rubrica le valutazioni finali.

A) La bella recinzione è stata realizzata in tempi veloci, mancano però i cancelli.

B) Gioco della dama. Inutilizzato (inutilizzabile…inutile….?).

C) Solite panche in cemento armato con spigoli (già presenti al parco Metelli, lì però in marmo…!) del tutto inadatte e pericolose ad un luogo frequentato da bambini.

D) Castello in legno ormai obsoleto e insicuro;

E) In particolare, le corde del castello su cui dovrebbero camminare i bambini presentano un evidente logorìo.

F) Anche i seggiolini delle altalene sono chiaramente da sostituire.

G) Il gioco a molla in legno è rotto.

H) In diversi punti lo stato del manto erboso e dei cestini per la raccolta indifferenziata è imbarazzante.

I) Una zona del parco è un piccolo cantiere con ghiaia, terriccio, dislivelli e paletti metallici che spuntano qua e là senza nessuna protezione o segnalazione.

Non so se quando questo articolo comparirà sul blog le cose saranno già cambiate. Non lo so perché è cattiva e frequente abitudine di questa e di altre amministrazioni precedenti, non mettere cartelli con le scadenze delle opere in corso – piccole o grandi che siano – né immagini dei progetti che si intendono realizzare.
PS. In questo breve reportage manca la foto di un bel gelato, forse l’unica cosa per cui valga davvero la pena fermarsi al parco di San Giuseppe con o senza bimbi…!