Dopo il successo della scorsa estate, al via la seconda edizione della Maratona musicale palazzolese.

Il 22 e il 23 di luglio, presso il parco fluviale Metelli, si svolgerà la seconda edizione della Maratona musicale, evento organizzato dall’Assessorato alle Politiche Giovanili in collaborazione con il neonato ”Tavolo Giovani”, la Fondazione Galignani e l’associazione musicale Terzarmonica che si occuperà degli aspetti logistici e organizzativi.

 L’ingresso è gratuito.
“L’obiettivo con cui nasce questa iniziativa è quello di permettere ai giovani musicisti palazzolesi di esibirsi su un palco in pubblico per essere protagonisti della loro città, dei loro spazi.
spiega Selina Grasso, consigliera incaricata alle Politiche Giovanili, durante la conferenza stampa tenutasi martedi 19 in Municipio.

La manifestazione inizierà la sera del 22 con un concerto per poi proseguire il 23 dalle 15 alle 23.00 circa. Durante la giornata avranno luogo altre manifestazioni collaterali: mostre fotografiche e artistiche di giovani palazzolesi si alternaranno ad esibizioni di pittori, giocolieri e writers che creeranno graffiti per l’occasione.

Ecco i  nomi di alcuni gruppi che si esibiranno sul palco: got on a livvid, stroller, the erem, busterdust, gyzah e molti altri.

Amerigo Lancini, vicepresidente dell’ass. Terzarmonica, sottolinea la giovane età dei gruppi (giovani dai 13 anni in su) che si esibiranno sul palco, alcuni dei quali per la prima volta. “Per la selezione delle band abbiamo anche utilizzato facebook” afferma Lancini che non nasconde l’entusiasmo per un evento che fornisce ai giovani musicisti la possibilità di esprimersi in totale libertà.

Luca Frettoli della Fondazione Galignani, coordinatore del ‘Tavolo Giovani’, rimarca l’importanza per i ragazzi di confrontarsi e lavorare insieme come proficuamente avviene con il ”Tavolo Giovani” che raduna, tra le altre, associazioni come Nuova Resistenza e Terzarmonica connettendo realtà spesso diverse tra loro.

Tra i progetti futuri la programmazione di una ”scuola politica” ma sopratutto l’istituzione, afferma Selina Grasso, di una Consulta Giovanile che “permetta ai giovani di avere concretamente voce in capitolo anche nelle decisioni intraprese dall’amministrazione”.
(a cura della redazione di QuiPalazzolo)