Approvato il maxi-centro di Quintano

foto consiglio comunale
Castelli Calepio
(by bresciaoggi)

Il consiglio comunale di Castelli Calepio ha approvato lunedi pomeriggio la variante al Piano Attuativo delle «Ex Fonderie di Quintano», che ha dato vita al nuovo progetto del centro commerciale di Quintano.
Approvato il 5 giugno del 2009 dalla Regione, il centro commerciale sorgerà al confine con Palazzolo, e un timore non proprio infondato è che, alla cittadina bersciana, la struttura causerà solo problemi.

Il tecnico del Comune bergamasco ha illustrato la variante esposta un mese fa nella conferenza dei servizi, cui hanno partecipato l’assessore all’urbanistica di Palazzolo, (che dopo la seduta di ieri ha preannunciato un nuovo ricorso al Tar) e il comitato contro il megacentro commerciale di Quintano, che a sua volta dopo l’approvazione ha annunciato nuove iniziative.
La variante riunifica in un solo comparto commerciale le aree adiacenti del centro commerciale approvato nel 2009 e quella industriale, portando contestualmente la superficie da 68.420 a 79.494 metri quadrati.
Al suo interno il progetto prevede la riduzione da 21 a 18 metri dell’altezza del fabbricato, e un’area commerciale di 37mila metri invece di 27.400, con 2.500 parcheggi che da 60mila metri passano a 73mila.
La convenzione porta al Comune bergamasco maggiori entrate da oneri, da 1,7 milioni a 3,2, l’impegno del costruttore a risanare l’area e a costruire a sue spese opere pubbliche per oltre un milione.
Il sindaco bergamasco, Bizzoni, ha commentato: «Il progetto non mi piaceva, e appena eletto ho chiesto e ottenuto di ridurre impatto urbanistico e energetico, ridefinire viabilità di Quintano e di Mura (quartiere di Palazzolo), di bonificare indipendentemente dalla costruzione e un consistente aumento del quantum per la comunità».

(fonte: bresciaoggi.it)