Cresce la raccolta differenziata in provincia di Brescia: Palazzolo 149esima col 41,09%

Di seguito le tabelle del GDB sulla raccolta differenziata in provincia di Brescia. La tendenza generale è positiva. Palazzolo sull’Oglio che nel 2008 registrò il 41,43% per poi scendere nel 2009 al 39,83% risale nel 2010 al 41,09%. Impossibile pare l’ obiettivo del 65% entro il 2012, e ormai sfumato il 45% entro il 2008.
> Per approfondire leggi l’intervista del 23/11/2010 all’ass. all’ecologia Lancini


(Clicca per ingrandire)

La raccolta differenziata cresce nel Bresciano, facendo segnare nel 2010 più due punti percentuali rispetto al 2009, con un risultato che si attesta quindi al 43,41%. A rilevarlo, il «Quaderno 2011», diffuso dall’Osservatorio provinciale rifiuti, una sorta di bilancio delle quantità di rifiuti urbani prodotti e dei risultati della raccolta differenziata.

Elaborando le voci presentate in tabella, si evince che nel 2010 nel Bresciano sono state prodotte 748mila tonnellate – 597 kg annui pro capite, 1,64 kg al giorno – di rifiuti urbani, i quali costituiscono la somma di Rifiuti solidi urbani raccolti in maniera indifferenziata, Rifiuti solidi ingombranti, spazzamento strade e, appunto, Raccolta differenziata.

Nel «Quaderno 2011» si aggiudicano il podio Cazzago San Martino – 11.060 abitanti che producono 5.480 tonnellate di Rifiuti urbani (Ru) per una percentuale di raccolta differenzia del 78,86%, in crescita sull’esercizio precedente del 19,90% -, Passirano – 7.191 abitanti che differenziano per il 78,67%, in sostanziale stabilità rispetto al 2009 – e Paderno Franciacorta che registra un decremento del 2,61% sul 2009 totalizzando il 76,29% di differenziazione dei rifiuti.

Fanalini di coda, al contrario, Pezzaze (1.616 abitanti e differenziata al 9,56%), Irma, che, con 155 abitanti, differenzia per l’8,34%, e infine Collio, 2.292 abitanti e una quota di raccolta differenziata del 4,96%

(fonte: giornaledibrescia.it)