A 4 ZAMPE: tutto quello che c’è da sapere prima di adottare un cucciolo

Tutto quello che c’è da sapere PRIMA di adottare un cucciolo di cane (e perché a volte è meglio scegliere un adulto)
Quasi tutti coloro che vengono in canile hanno una sola richiesta: “avete cuccioli?”. I cani di qualche anno non li considerano nemmeno nella convinzione (errata) che non sappiano dare l’amore che ogni cane è capace di dispensare al suo compagno umano. In ogni caso occorre essere super convinti di adottare un cane, specialmente se cucciolo che richiede quindi accorgimenti particolari.

Con questo breve scritto vogliamo accompagnarti nella conoscenza di un cucciolo e delle sue esigenze. Solo una persona informata può realmente prendere decisioni consapevoli, evitando così spiacevoli rientri in canile di malcapitati cuccioli. Ci capitano rientri per i motivi più assurdi e disparati quindi non sottovalutare i seguenti punti.

Premessa:
Un cucciolo può essere staccato dalla madre dopo il compimento del 60° giorno di età, non prima. Questo periodo è molto importante per permettere alla madre di passare al piccolo tutti gli anticorpi di cui ha bisogno e non solo: la madre in questi primi mesi insegna al cucciolo tutto ciò che deve sapere per diventare un cane equilibrato.

Rispettare questi tempi ti permetterà di avere un cucciolo sano e con ottime probabilità di essere un cane socializzato ed equilibrato anche da adulto. Non avere fretta, più tempo sta con la madre e i fratelli, meglio è! Diffida sempre da chiunque voglia rifilarti un cucciolo con meno di 2 mesi: avrai solo problemi e difficoltà ulteriori rispetto a quelle che, normalmente, si presentano.

Cuccioli: il lato “nascosto” della medaglia!
1. Un cucciolo sporca: i cuccioli di cane, come i cuccioli d’uomo, non nascono con la capacità di trattenere i loro bisogni: è assolutamente normale che il cucciolo ci metta del tempo ad imparare a fare i suoi bisogni all’esterno di casa. Picchiare il cucciolo, mettergli il muso nella pipì e alte pratiche violente NON lo aiuteranno a capire cosa deve fare. Porta pazienza e cerca di portare il cucciolo fuori ad ogni cambio di attività (dopo che ha mangiato, quando si sveglia, dopo il gioco ecc). Sappi che ci possono volere settimane o mesi prima che il cucciolo impari a fare i bisogni fuori; se non sei disposto ad aspettare e ci tieni alla pulizia della casa, NON adottare un cucciolo!

2. Un cucciolo mordicchia: i cuccioli, a causa dei dentini in crescita, hanno estremo bisogno di mordicchiare e masticare. Usano tutto ciò che capita loro a tiro: mobili, ciabatte, scarpe: non sanno fare differenza tra l’osso di stoffa che gli hai comprato e la maglietta nuova appoggiata sul letto. Abbi l’accortezza di comprare al cucciolo solo GIOCHINI DI GOMMA che dovrà sempre avere a disposizione. Evita i giochi di stoffa. Se pensi di non poter sopportare di vedere qualche mobile rovinato o le tue scarpe nuove irrimediabilmente mangiucchiate NON adottare un cucciolo!

3. Un cucciolo piange: prova a pensare, un cucciolo nasce e vive i primi 2 mesi di vita in compagnia della madre e dei fratellini. Un bel giorno viene preso da dei giganti e portato in un posto nuovo dove non c’è niente che gli possa ricordare la mamma o i fratellini e dove, spesso, non ci sono altri cani a fargli compagnia!il cucciolo, specialmente la notte, piange.

Non relegarlo in una stanza facendolo piangere tutta la notte: la madre in natura non lo farebbe mai!mettilo in una cesta accanto al tuo letto e, se si agita la notte, allunga la mano per tranquillizzarlo!pian piano, man mano che si abitua, potrai spostare la cuccia sempre più lontano fino al luogo che hai deciso sarà la sua stanzetta!Se non puoi sopportare qualche notte insonne: NON adottare un cucciolo!

4. Un cucciolo non è un giocattolo: non adottare un cane perché sia il compagno di giochi (alias bambolotto) dei tuoi bambini. Un cane non è un giocattolo, è un essere vivente con i suoi bisogni e la sua sensibilità. Se i tuoi figli non sono in grado di rapportarsi con un cane con rispetto e delicatezza, NON adottare un cucciolo ma opta per un peluche.

Quando saranno cresciuti potrai pensare di prendergli un amico a 4 zampe. Inoltre non adottare un cane per assecondare delle richieste del tuo bambini senza esserne convinto. Un bambino, per quanto responsabile NON può occuparsi materialmente dei bisogni di un cucciolo ma dovrai essere tu a farlo. Se non sei disposto ad impegnarti in prima persona NON adottare un cane (cucciolo o adulto non fa differenza in questo caso!)

5. Un cucciolo non è un regalo: scegliere di accogliere nella propria casa un cane (cucciolo o adulto che sia) è una scelta personale. Non regalare cani senza il permesso del destinatario perché rischieresti di dover riportare indietro il regalo sgradito causando sofferenza nel malcapitato cagnolino.

6. Un cucciolo è un foglio bianco: un cucciolo non sa nulla del mondo, dovrai essere tu ad insegnargli tutto. Andare al guinzaglio, fare i bisogni fuori, i comandi di base, la buona educazione. Tu dovrai insegnargli tutto questo dedicando al nuovo amico a 4 zampe tutto il tempo e la pazienza necessari. Sei in grado di prenderti una simile responsabilità? Sai come comportarti, cosa fare, come muoverti, a chi rivolgerti? Adottare un cucciolo presuppone una grande responsabilità, se non sei disposto o non ti ritieni in grado di assumere questo onere, NON adottare un cucciolo. L’educazione del cane non si improvvisa, bisogna informarsi e aggiornarsi costantemente.

Leggi attentamente i passaggi sopra riportati e domandati se sei davvero disposto ad affrontare tutto questo. Un cucciolo porta con sé molta gioia, tenerezza, amore ma anche un serie di problemini e inconvenienti che, purtroppo, sono inevitabili e non tutti sono disposti ad affrontare. Parlatene in famiglia perché tutti i componenti devono essere assolutamente sicuri di voler fare questa scelta o il cucciolo rischierà di tornare in canile alla prima difficoltà.

Se pensi di poter sopportare bisognini per casa, pianti, morsi, scarpe rovinate e quant’altro allora puoi pensare di adottare un cucciolo. Viceversa, orientati sull’adozione di un cane adulto, di 2/3 anni ma anche di più. Ti sorprenderà l’amore che un cane salvato da un canile è in grado di regalarti abituandosi molto velocemente alla nuova vita che gli donerai.

Un cane adulto, nella stragrande maggioranza dei casi, non sporca in casa, non rovina mobili e vestiti, non piange la notte e, molto spesso, è già abituato ad andare al guinzaglio (noi qui in canile lo insegniamo a tutti, unitamente a qualche comando di base). Un cane adulto ha già un carattere formato, una taglia definita e riserva molte meno sorprese di un cucciolo.

In definitiva, non scartare a priori l’idea di adottare un cane di qualche anno e sii comunque consapevole delle gioie e dei dolori che l’adozione di un cucciolo porta con sé!

a cura dei volontari del canile/gattile RUSTICO BELFIORE