Vai a…
RSS Feed

22 ottobre 2018

La Bottega delle Meraviglie: laboratorio di conoscenza del sé


Facebooktwittergoogle_plusmail

Il prossimo 29 gennaio riapre il secondo ciclo del laboratorio esperienziale di comprensione del sé e di condivisione “La Bottega delle Meraviglie”.  Qualche informazione:

Dove?

Per questo nuovo ciclo d’incontri la Bottega aprirà ad Adro, presso la Biblioteca. Ogni giovedì, dal 29 gennaio al 5 marzo, si terranno i 6 incontri, dalle ore 21,00 alle ore 22.30. E il prossimo sarà a Sale Marasino, sempre presso la Biblioteca, dal 12 marzo al 16 aprile.

E’ obbligatoria l’iscrizione?

Si, perché il laboratorio è rivolto ad un massimo di 15 persone. Le iscrizioni saranno raccolte direttamente dalla Biblioteca, recandosi personalmente, in via Dandolo, 55, oppure telefonando allo 0307454344 per la Biblioteca di Adro e via Mazzini, 71 tel. 030986533 per la Biblioteca di Sale Marasino

In ogni caso, per chi è titubante, e vorrebbe partecipare a una serata come “prova”, sarà possibile partecipare durante la prima serata di apertura.

Che cosa posso acquistare?

Si può acquisire/riacquisire consapevolezza del proprio modo di essere, dei propri bisogni, dei propri limiti (reali ed emozionali) e un modo efficace di comunicarli.

E’ importante essere consapevoli del proprio modo di pensare e di sentire, per concederci di apprezzare e darci credito per ciò che siamo. Inoltre, identificare parti di noi che sabotano il nostro benessere, attiva un cambiamento per ristabilire un giusto rapporto con se stessi.

Con cosa posso pagare?

Con monete particolari: saranno accettate le proprie caratteristiche, competenze e risorse. I partecipanti saranno guidati alla scoperta di sé attraverso l’interazione, esercizi e “giochi” di vario tipo, disegni e diapositive.

Perché dovrei partecipare?

Per rispondere a questa domanda, voglio condividere una citazione di Mahatma Gandhi:

“Tanto l’uomo si conosce, tanto più progredisce”.

 

Vi aspetto!

Dott.ssa Volpi Simona, Psicologa-Psicoterapeuta.

 

Altre storie daBasta il pensiero