Vai a…
RSS Feed

12 dicembre 2018

Vicenda Gratta&Vinci: “Accuse sgradevoli e infondate”, le precisazioni dell’Amministrazione Comunale


Facebooktwittergoogle_plusmail

L’Amministrazione Comunale di Palazzolo sull’Oglio intende fornire alcuni chiarimenti in merito alle accuse tanto sgradevoli, quanto infondate, che le vengono rivolte a margine di una fotografia, diffusa sul web, nella quale sono ritratte alcune decine di gratta e vinci, che sarebbero stati ritrovati nei pressi di un’abitazione del quartiere di Mura.

“Le situazioni che ci si trova a dover gestire quotidianamente sono più complesse di come qualcuno vuole rappresentarle – chiarisce l’Amministrazione, senza nascondere un certo stupore per il fatto che qualcuno trovi più opportuno rimestare nella spazzatura piuttosto che impegnare tempo e risorse per informarsi seriamente e costruttivamente su questioni delicate, che non sono presenti da un anno, ma almeno dal 2008, allorquando non era in carica l’attuale Giunta -. In ogni caso per le famiglie che si rivolgono ai nostri Servizi Sociali predisponiamo, sulla base di specifiche e comprovate esigenze, un supporto che tenga conto dei loro reali bisogni e che tuteli, laddove ci sono, in primo luogo, i figli minori.

Nessun contributo economico è stato erogato da questa Amministrazione senza che ne fossero state rilevate le reali necessità. Le forme di aiuto messe in campo, anche con il coinvolgimento di associazioni locali o con il ricorso a fondi regionali, sono sempre state vincolate a progetti mirati anzitutto al benessere e allo sviluppo “sano” dei minori, per esempio con la garanzia della frequenza alle scuole dell’infanzia o agli asili nido. Laddove queste proposte non sono state accettate o rispettate, si è provveduto a sospendere ogni forma di contributo economico, peraltro non erogato direttamente agli utenti, ma ad esempio ad asili nido o gestori di servizi pubblici. Proprio per tutelare la privacy e la dignità di ogni famiglia palazzolese, l’Amministrazione Comunale sollecita chi ha diffuso informazioni chiaramente strumentali, capziose ed in gran parte false (ad esempio su questione minori e rifiuti) a prestare maggiore attenzione a quanto si asserisce, posto che si rischia spesso di sfociare nella diffamazione o nella calunnia.

E’ comprensibile la critica e persino la propaganda, ma addirittura sostenere, in maniera ingiustificata e disinformata, che un’istituzione o parti politiche finanzino delinquenti  – conclude l’Amministrazione – è un comportamento francamente inqualificabile. Se qualsiasi cittadino è a conoscenza di fatti criminosi realmente compiuti, l’invito è quello di denunciare tutto alle autorità competenti, magari portando a sostegno di tali accuse anche qualcosa di più significativo di qualche gratta e vinci. In questo modo, più che con tendenziose allusioni, ognuno potrebbe dare il suo contributo civile alla nostra città”.

(fonte: comunicato stampa)

Altre storie daPalazzolo