Vai a…
RSS Feed

12 dicembre 2018

Palazzolo. Progetto di giustizia riparativa, il sindaco Zanni replica al consigliere Raccagni (LEGA NORD): “I detenuti lavoreranno gratuitamente”


Facebooktwittergoogle_plusmail

Con riferimento alle recenti dichiarazioni diffuse dal consigliere comunale della Lega Nord, Stefano Raccagni, sul nuovo progetto di giustizia riparativa che sarà presto attivato a Palazzolo sull’Oglio, si precisa quanto segue.
La somma che verrà spesa dal Comune, circa 2 mila euro all’anno in totale per al massimo due anni, per la collaborazione offerta da due persone che stiano terminando di scontare la loro pena in carcere, non rappresenterà un compenso per l’attività svolta a favore della collettività, bensì la quota necessaria per la copertura dell’assicurazione obbligatoria, delle spese di trasporto con i mezzi pubblici dal carcere di Brescia a Palazzolo e del pasto che sarà assicurato ai due collaboratori nelle giornate in cui presteranno servizio per il Comune.

Va sottolineato, inoltre, che i 2 mila euro annui rappresentano la spesa stanziata per sostenere i costi stimati per il progetto, ma si auspica che a fine giugno il Comune possa contare su fondi ministeriali non spesi da altri Comuni (da riassegnare ai Comuni “attivi” su questo fronte).

Non va dimenticato che il Comune tra il 2012 ed il 2014 ha attivato progetti con voucher a favore di persone in cassa integrazione, mobilità o disoccupazione, impegnando risorse proprie e sovra comunali per circa 140 mila euro. Una simile operazione non sarebbe stata ripetibile e sostenibile, tenendo conto che per le stesse ore di lavoro prestate al di fuori di questo progetto, il Comune avrebbe dovuto sborsare circa € 1.230 euro mensili.

“Ancora una volta il consigliere Raccagni cerca di alimentare la polemica su questioni rispetto alle quali si dimostra disinformato. Di fatto le due persone che saranno assegnate al progetto lavoreranno gratuitamente, esattamente come il consigliere riferisce accadere in America e come da lui stesso auspicato – sottolinea il sindaco della città, Gabriele Zanni -. Forniranno un servizio prezioso per la pulizia e il decoro della città, in aggiunta a quanto già viene normalmente garantito. Servizio che ad altre condizioni il Comune non potrebbe offrire, visto che l’attivazione di progetti diversi, come i voucher per disoccupati già sperimentati in passato, risulta molto più onerosa per le casse comunali”.

Più che per l’aspetto economico, inoltre, a far propendere l’Amministrazione Comunale di Palazzolo per l’adesione al progetto condiviso con il carcere di Verziano e con l’associazione “Carcere e Territorio” è la sua importante valenza sociale e formativa. “Mi stupisce che la Lega Nord, sempre sensibile al tema della sicurezza, non ravveda in questo progetto di giustizia riparativa lo strumento con cui evitare che, una volta espiata la loro pena in carcere, queste persone possano tornare a delinquere – conclude Gabriele Zanni -. Si tratta infatti di iniziative che, dove attuate, hanno dato buoni risultati, gettando le basi per una migliore integrazione dei detenuti nelle comunità locali e offrendo loro l’occasione per un riscatto sociale, disincentivando fenomeni di recidiva”.

(fonte: comunicato stampa)

Altre storie daPalazzolo