Vicenda richiedenti asilo, il consigliere leghista Raccagni ironizza: “È tutto vero, Zanni ho un’ossessione per te”

Riceviamo e inoltriamo dalla Lega Nord:

«Ho una certa comprensione e compassione per il sindaco Zanni che a oltre tre anni dalla sua elezione non ha fatto altro che tagliare nastri di progetti pensati e nati durante altre Amministrazioni… A parte il campo da cricket». Questa la decisa posizione del consigliere comunale leghista Stefano Raccagni in risposta al comunicato del circolo Pd di Palazzolo che oltre ad attaccare la Lega Nord ha sottolineato i numerosi “meriti” del presidente di Acb. «Oltre a non avere meriti credo che Zanni non abbia nemmeno una calcolatrice. – ha aggiunto sarcastico Raccagni – Infatti all’inizio della vicenda dovevano essere accolti, tramite la cooperativa “Domus Caritatis”, 80 presunti profughi, poi scesi a 56 quando il sindaco pur di placare gli animi si era appellato all’abitabilità della “Ca’ del Cà” e ora quelli che avrebbero dovuto arrivare a Palazzolo sono addirittura lievitati a 100. Confusione o semplice desiderio di celebrità? Ma se di meriti dobbiamo parlare, questi non sono politici, ma della Procura di Roma che ha indagato la “Domus Caritatis” nell’inchiesta “Mafia capitale”. Invece quando Zanni si è opposto al reinserimento della “Domus Caritatis” negli elenchi prefettizi che autorizzano le cooperative alla gestione dei profughi ha guarda caso perso». «Segretario Pd Marcandelli anche stavolta l’ultimo pensiero – ha concluso ironico il consigliere del Carroccio – va al sindaco Zanni per il quale ammetto di avere un debole. Credo sia dovuto al suo essere un intellettuale di sinistra radical chic. Altrimenti faticherei a capire la mia ossessione per un politico che privilegia i presunti poveri stranieri ai veri poveri palazzolesi».

(fonte foto e comunicato: lega nord palazzolo)