Vai a…
RSS Feed

12 dicembre 2018

Palazzolo, in arrivo 5 nuovi defibrillatori


Facebooktwittergoogle_plusmail

Solo in Lombardia ogni anno si registrano 1.400 casi di morte per arresto cardiaco in luoghi pubblici e di lavoro, di cui 700 in strutture sanitarie o in seguito a eventi traumatici. La letteratura medica scientifica, però, ha dimostrato che un intervento di primo soccorso tempestivo e adeguato potrebbe ridurre del 30% questi decessi. Per questo l’Azienda Regionale di Emergenza e Urgenza (AREU) della Lombardia fin dal 2012 ha messo a punto un programma di prevenzione, finanziato anche dal Ministero della Salute, che prevede l’acquisto e la distribuzione sull’intero territorio regionale di 100 defibrillatori semiautomatici e programmi di formazione specifica rivolti alla cittadinanza.

5 di questi defibrillatori, completi di teca, arriveranno presto anche a Palazzolo. Il Comune, infatti, ha partecipato all’apposito bando indetto da AREU, identificando e motivando la collocazione degli apparecchi e annunciando la volontà di collaborare con il Comitato locale della Croce Rossa Italiana, che in qualità di ente formatore, organizzerà dei corsi rivolti a tutta la cittadinanza, per abilitare il maggior numero di persone all’utilizzo dei dispositivi salvavita.

I defibrillatori saranno assegnati al Comune di Palazzolo in comodato d’uso gratuito per 5 anni e saranno collocati al Palazzetto dello Sport di via Levadello, nelle palestre delle scuole primarie dei quartieri del Sacro Cuore, di San Giuseppe e di San Pancrazio e nella palestra della scuola media “Fermi” in via Zanardelli. Ambienti individuati per un bacino di utenza costituito prevalentemente dalle fasce più deboli della popolazione, ovvero bambini e anziani, che svolgono attività ludico-sportive, ricreative e finalizzate al mantenimento di una buona salute psicofisica.

“Una bella notizia per i palazzolesi, che d’ora in avanti avranno a disposizione ulteriori strumenti per fare prevenzione in un ambito molto delicato – commenta il sindaco di Palazzolo sull’Oglio, Gabriele Zanni -. Preservare la salute e la vita dei propri cittadini credo sia un dovere per ogni Amministrazione, al di là degli adempimenti normativi, ed un’ottima ragione per stimolare nella popolazione la cultura del soccorso e la coscienza civica. A tal proposito spero che in molti decidano di partecipare ai corsi che presto verranno attivati nell’ambito di questo progetto”.

(Fonte: comunicato)

Altre storie daPalazzolo