Vai a…
RSS Feed

11 dicembre 2018

Scuola, il palazzolese Paolo Barabanti intervistato dall’Espresso. Ecco perché… [FOTO]


Facebooktwittergoogle_plusmail

“Non sono razzista ma…”: immigrazione, stranieri in Italia e stranieri a scuola.
Questi gli argomenti trattati nell’ultimo numero di una rivista di stampa nazionale come l’Espresso che ha intervistato il palazzolese Paolo Barabanti, (storico collaboratore del blog) ma sopratutto valido ricercatore in sociologia dell’educazione. 

“L’anno scorso avevo collaborato – spiega Barabanti – alla pubblicazione del rapporto annuale del Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca sul tema
degli alunni stranieri nella scuola italiana. Io avevo scritto un capitolo relativo agli apprendimenti. Sono stato contattato per quel motivo.”

12002062_10152970728362511_4739656951703004740_n

Barabanti, tra le varie cose, sottolinea nell’articolo che (secondo i dati del database Invalsi e del database internazionale dell’Ocse) gli immigrati a scuola sono più motivati rispetto agli italiani, che hanno la difficoltà della lingua come canale di comunicazione e che vengono da famiglia svantaggiate, ma su molti aspetti sono “più bravi” dei nostri italiani: lo status socio-culturale e il background migratorio restano, infatti, le due principali note dolenti che spesso impediscono ai giovani studenti immigrati di ‘gareggiare’ alla pari.

“Interessante notare conclude Barabanti– che le seconde generazioni (ndr quelle nate in Italia) sono più vicine ai risultati degli italiani mentre il distacco più ampio si ha in italiano rispetto alla matematica”.

Altre storie daPalazzolo