Vai a…
RSS Feed

22 ottobre 2018

La cava di Telgate non si farà. Il sindaco Zanni: “Premiato anche il nostro impegno per la salvaguardia del territorio”


Facebooktwittergoogle_plusmail

“Non posso che esprimere una grandissima soddisfazione per l’esito positivo di questa vicenda, soprattutto perché come gruppo consigliare del PD locale, siamo stati i primi a sollevare il problema quando ancora sedevamo tra i banchi dell’opposizione e abbiamo continuato a spenderci su questo fronte anche quando sembrava che tutto fosse già stato deciso e che non si potesse più opporre alcuna resistenza al progetto. Una battaglia per la salvaguardia del territorio che abbiamo continuato, anche grazie alla condivisione, all’impegno ed alla partecipazione fondamentale del Comitato Civico Intercomunale, una volta passati in maggioranza, mantenendo fede all’impegno di fare tutto quanto fosse nelle nostre possibilità per evitare che si autorizzasse un nuovo insediamento dannoso per l’ambiente, proprio al confine con il Comune di Palazzolo”. Così il sindaco di Palazzolo sull’Oglio, Gabriele Zanni, commenta l’approvazione del nuovo Piano cave della provincia di Bergamo da parte del Consiglio di Regione Lombardia, la cui delibera è stata appena pubblicata sul BURL, il bollettino ufficiale del Pirellone. Dalla revisione del piano, infatti, è stata stralciata la cava di Telgate, un bacino estrattivo che era stato autorizzato nel Piano del 2004 e riconfermato in quello successivo del 2008, che avrebbe avuto una dimensione di 20 mila metri quadrati e dove in soli sei anni si sarebbero estratti due milioni di metri cubi di ghiaia e sabbia attraverso 4 lotti di escavazione, che sarebbero poi stati con ogni probabilità riempiti di rifiuti inerti derivanti principalmente da impianti termici, trattamenti di incenerimento e demolizioni edili.

Un obiettivo raggiunto, quindi, nella direzione di una sempre maggiore tutela del territorio e delle comunità che lo abitano. “E’ stato premiato uno sforzo condiviso – continua Zanni –. Un impegno per un interesse comune che ha visto unire le forze di amministratori, comitati e cittadini, al di là dei singoli confini comunali”.

(Fonte: comunicato

Altre storie daPalazzolo