Vai a…
RSS Feed

19 novembre 2018

La gratitudine


Facebooktwittergoogle_plusmail
Si è appena concluso novembre e la chiusura di questo mese porta con se il compimento di un progetto che ci ha tenuto compagnia per diversi mesi: Viva Vittoria.
Credo che diversi di voi abbiano sentito parlare di questa originale “opera d’arte relazionale condivisa”, come è stata definita dalle ideatrici (Patrizia Fratus, Cristina Begni, Silvia Lumini, Simona Romele e Cristina Ghidini – www.vivavittoria.it -) che si sono prodigate a proporre la partecipazione a una creazione singolare, che rappresentasse il calore, che potesse coinvolgere chiunque con il proprio personale contributo e creare alla fine un effetto appassionato e coinvolgente.
A mio parere, questo è stato raggiunto!
Con orgoglio l’Associazione Il Club, in collaborazione col Comune di Palazzolo e con alcuni esercizi commerciali palazzolesi (Oreficeria Horo e Merceria Shopping della Lana) c’era col suo contributo.
Mercoledì 25 novembre, davanti a un mare di quadrotti colorati di lana ho sentito una commozione, unita ad un senso di serenità e di forza, all’idea che, non so quante persone, donne e uomini,  si siano fermate e abbiano dedicato, in un momento delle loro giornate, un gesto di creatività, di calma, di motivazione, che alla fine si respirava in Piazza Vittoria. L’aria gelida contrastava l’atmosfera di estremo calore che questi lavori trasmettevano. Ho provato un profondo senso di gratitudine, questo stato d’animo che comporta affetto verso chi ci ha fatto del bene e desiderio di poterlo ricambiare. Ho sentito la grandissima forza che questo stato d’animo porta con se, la sensazione di potenza, che poi unisce le persone, e il senso di condivisione, che può far sentire la presenza, può abbattere l’annichilimento di chi subisce violenza e può dominare i soprusi.
Sono grata non solo alle ideatrici,
ma a chiunque abbia contribuito a rendere questo  progetto
una speranza, un desiderio e una realtà.
Che sia stato anche questo un obiettivo di Viva Vittoria?
A cura di Volpi Simona, Psicologa-Psicoterapeuta.
Locandina-ricordo della proposta a Palazzolo
a

Altre storie daBasta il pensiero