Vai a…
RSS Feed

19 novembre 2018

LABORATORIO “PASSI E RIPASSI”: per scoprire il nostro paesaggio interiore, attraverso la riflessione psicologica e la fotografia.


Facebooktwittergoogle_plusmail

La proposta di avviare un laboratorio che coinvolga fotografia e psicologia nasce dal desiderio di accrescere la nostra consapevolezza sul cospicuo attuale utilizzo dei dispositivi fotografici, che inevitabilmente dicono di un cambiamento sociale in atto nel nostro modo di guardare al mondo e guardare anche a noi stessi. Con la diffusione di smartphone, macchine fotografiche e numerosi dispositivi elettronici, si è diramata la passione, l’attenzione, nonché il bisogno di cogliere ed immortalare momenti, paesaggi ed estratti della nostra vita attraverso lo scatto.

Da qui l’idea di offrire uno spazio per renderci maggiormente consapevoli di quanto il nostro modo di essere incida inevitabilmente sul nostro sguardo al mondo. I nostri bisogni, le nostre caratteristiche, la nostra storia ci caratterizzano e spesso si ripropongono, facendoci ripercorrere talvolta analoghi paesaggi interiori. Questi ci guidano ponendoci verso determinati soggetti e determinati momenti da cogliere con la fotografia.

Attraverso una lettura in chiave psicologica delle nostre peculiarità, la meta è ricontattare frammenti di noi e utilizzarli come suggestione per approfondire la conoscenza e la possibilità di utilizzare la fotografia.

Ma come si svolge?

Il laboratorio è strutturato per riflettere e acquisire relazioni nuove ampliando le competenze di cui siamo in possesso. Il concetto base è essere attivi su un piano che sia da stimolo per il coinvolgimento dei partecipanti.

Verranno utilizzate diapositive, filmati, discussioni di gruppo, utilizzo dei dispositivi fotografici.

Il percorso prevede 4 incontri da 1 ora e mezza ciascuno.
* primo incontro con la Psicologa-Psicoterapeuta per focalizzarsi sul proprio modo di essere, i propri bisogni, i propri temi relazionali che influiscono sul nostro modo di guardare il mondo;
* secondo e terzo incontro con l’Educatrice-Fotografa che, utilizzando le suggestioni del primo incontro svilupperà una riflessione sul modo di esplorare il mondo con la fotografia e la conoscenza dell’utilizzo dei dispositivi. E’ necessario avere un dispositivo, dalla macchina fotografica allo smartphone.
* quarto incontro con la Psicologa-Psicoterapeuta per integrare a livello cognitivo l’esperienza.

Il laboratorio è condotto dalla Dott.ssa Volpi Simona, Psicologa-Psicoterapeuta e da Maniscalco Margherita, Fotografa-Educatrice.
Vi ricordiamo che la partecipazione al laboratorio è gratuita, previa iscrizione presso la Biblioteca di Capriolo (Bs)

locandina capriolo PASSI E RIPASSI.001

Altre storie daBasta il pensiero