Vai a…

QUI PALAZZOLO

Il Blog di Palazzolo sull'Oglio

RSS Feed

19 luglio 2018

Scuola “Enrico Fermi”, visita della Presidenza del Consiglio dei Ministri


Facebooktwittergoogle_plusmail

Oggi 9 giugno 2016 l’avv. Filippo Bonaccorsi, dirigente della Struttura di Missione della Presidenza del Consiglio dei Ministri per la riqualificazione dell’edilizia scolastica, accompagnato dal Sindaco avv. Gabriele Zanni, dall’Assessore alla Cultura e alla Pubblica Istruzione dott. Gianmarco Cossandi, dal Responsabile del Settore Lavori Pubblici del Comune di Palazzolo sull’Oglio ing. Andrea Angoli, nonché dal Dirigente scolastico prof.ssa Camilla Secchi, si è recato in visita presso la Scuola “Enrico Fermi” per una visita istituzionale a seguito della conclusione, da poco inaugurata degli interventi di manutenzione straordinaria, che hanno riguardato il completo rifacimento delle facciate, delle soglie e dei davanzali, dei pluviali e dell’impiantistica esterna, nonché il rifacimento del manto di copertura, con stato di impermeabilizzazione, isolamento termico e micro ventilazione, per un investimento complessivo di Euro 520.000,00.

«Abbiamo mostrato all’avv. Filippo Bonaccorsi della Presidenza del Consiglio dei Ministri, che è rimasto positivamente impressionato – ha spiegato il Sindaco Gabriele Zanni – i recenti lavori di riqualificazione della Scuola E. Fermi, nonché la tinteggiatura degli spazi interni in esecuzione e finanziata dal Governo con l’intervento scuole belle. Abbiamo inoltre rappresentato la volontà di procedere con l’ampliamento della scuola medesima, oltre che alla sistemazione della palestra. Interventi per i quali siamo in attesa di conferma del finanziamento statale di 950 mila Euro, da erogarsi tramite Regione Lombardia. Essendo l’adeguamento e il miglioramento delle strutture scolastiche cittadine una delle priorità della nostra Amministrazione, abbiamo colto con molto favore la rassicurazione che il Governo ha intenzione di rifinanziare tali interventi, come già fatto lo scorso anno e quello precedente.»

(fonte: comunicato)

Altre storie daPalazzolo