Vai a…
RSS Feed

16 novembre 2018

Lunedi 5 settembre, inaugurazione nuova scuola dell’infanzia di Mura


Facebooktwittergoogle_plusmail

Sarà inaugurata dal Sindaco Gabriele Zanni,  lunedì 5 settembre, alle ore 10:30, la nuova Scuola dell’Infanzia del quartiere di Mura, realizzata in via Franco Bonari, 82, che sostituirà la vecchia materna di viale IV novembre, ma che recherà la stessa intitolazione a “Gianni Rodari”.

Il taglio del nastro e la benedizione del nuovo edificio scolastico avverranno in contemporanea con l’inizio del nuovo anno scolastico e con il trasferimento delle quattro attuali sezioni già attive di scuola dell’infanzia, alle quali si aggiungerà da quest’anno una quinta sezione per ospitare il numero complessivo di 130 bambini.

I lavori per la realizzazione della nuova “Gianni Rodari” vennero ufficialmente annunciati nel 2009, con la tradizionale cerimonia di posa della prima pietra, dall’allora Giunta Moreschi, per poi essere effettivamente avviati nel 2015 e ora ultimatidall’attuale Amministrazione comunaleguidata dal Sindaco Gabriele Zanni, dopo l’approvazione di alcune varianti al progetto tra le quali:

– la realizzazione di pannelli fotovoltaici a modulo cristallino pari a 8 Kw di potenza, localizzati sullo spazio aperto a terrazza a nord-est del primo piano in sostituzione dei pannelli in silicio amorfo;

– la realizzazione di impianto antintrusione esterno;

– la fornitura di corpi illuminati con sistema a led;

– la predisposizione dell’impianto di diffusione sonora.

La costruzione della nuova Scuola dell’Infanzia, rientra nel Programma Integrato d’intervento, relativo all’ambito territoriale del Comparto di Intervento Strategico  n. 1 (C.I.S. 1) nel quartiere di Mura ed è stata realizzata dai lottizzanti di tale C.I.S. 1 in parte quale “standard di qualità”, e in parte a scomputo degli oneri di urbanizzazione secondaria.

Il progetto dell’opera è stato redatto dall’Arch. Luciano Locatelli.

I lavori, costati 2,8 milioni di euro, comprese le spese tecniche e gli oneri fiscali, sono stati assegnati dai titolari del CIS 1, Società Traguardi S.r.l. e Locatelli Luciano,  a seguito di procedura negoziata, all’impresa BENIS Costruzioni S.r.l. di Telgate, che a marzo 2015 ha iniziato la costruzione della nuova infanzia di Mura.

Il nuovo edificio scolastico è dotato di tutte le tecnologie necessarie per il contenimento dei consumi energetici, ed è realizzato nel rispetto della normativa vigente in materia di edilizia scolastica.

La superficie dell’intero lotto è di m² 6.748, di cui m² 1.580 di superficie coperta totale, costituiscono il plesso scolastico e i rimanenti m² 5.168 costituiscono area verde. Il volume invece, compreso l’interrato e l’alloggio del custode, è di m³5.300.

Le sezioni presenti sono cinque, con la possibilità di un ampliamento a sei sezioni. Inoltre l’immobile si compone in particolare di un locale refettorio di 118,62 mq, con annessi i locali per il riscaldamento dei pasti e servizi vari, sala insegnanti di m² 40,36, di una sala per le attività pratiche di psicomotricità di m² 60,75, di un salone coperto di m² 163 per le attività libere e ampie zone adibite a parcheggio, all’esterno della scuola.

Inoltre è stato realizzato anche un alloggio per il custode di circa 65 mq, già affidato dall’Amministrazione Comunale, a seguito di apposito bando pubblico, a un nucleo familiare che si occuperà dell’attività di custodia, vigilanza, parziale pulizia e piccole manutenzioni nella nuova scuola dell’Infanzia.

«Credo che non ci sia segnale migliore per una comunità, soprattutto in momenti non facili, che veder aprire una scuola. Ancor di più se una scuola dell’infanzia» ha dichiarato il Sindaco Gabriele Zanni. «Uno spazio confortevole e sicuro dove i bambini possono cominciare ad apprendere e formarsi giocando insieme tra loro. Per questo siamo orgogliosi come Amministrazione di poter mettere a disposizione della Città, di insegnanti e bambini, questo nuovo ambiente dopo tanti anni di attesa. Non era scontato portare a termine quest’opera e per questo ringrazio di cuore tutti quelli che hanno lavorato con grande professionalità alla realizzazione della nuova materna e hanno collaborato a diverso titolo. Dagli Uffici comunali coinvolti, ai progettisti, alle imprese che hanno realizzato la struttura e che hanno fatto un pregevole lavoro, alla dirigente scolastica ed alle insegnanti coinvolte.»

(fonte: comunicato)

Altre storie daPalazzolo