Vai a…
RSS Feed

20 ottobre 2018

ADRIANO ARCANGELI REPLICA AD ALESSANDRO MINGARDI: “COMMENTO PIENO DI FALSITA’ E BUGIE”


Facebooktwittergoogle_plusmail

Di seguito la replica di Adriano Arcangeli al comunicato della civica MOS (“Arcangeli e Bertoli hanno utilizzato l’Associazione il Maestrale, che riceve finanziamenti pubblici ed ha una sede data dal Comune, per fare campagna elettorale a Forza Italia e a Stefano Raccagni” NDR):

“Egr. Sig. Alessandro Mingardi,

 
                mi riferisco all’articolo da Lei scritto su Facebook sotto “Analisi al Voto” dove, per leggere il contenuto si deve “cliccare” sul link “MOSPALAZZOLO.IT”.
                Scorrendo l’articolo, che suppongo sia farina del suo sacco, anche perché firmato da lei, si arriva ad un capitolo molto interessante intitolato “ARCANGELI &  GIULIANA BERTOLI” in neretto.
                Ebbene, innanzi tutto mi farebbe piacere vedere in quale contesto, il sottoscritto, ha apostrofato “farabutto e delinquente” chicchessia persona e in quale occasione. Mi risulta che questa espressione sia stata usata su un social da Giuliana Bertoli ma senza alcun riferimento specifico a persone. Non credo proprio sia stata rivolta a Lei, non sarebbe stato degno di nota! Pertanto ritengo la sua illazione di bassa lega, non degna di rilievo.
Per quanto riguarda la lettera da me inviata,  sa leggere e capire una lettera o meno?

                Il suo commento è pieno di falsità e bugie tendenti a denigrare chi, viceversa, ha una visibilità e una reputazione che vanno ben oltre le sue illazioni.
                Non ho usato alcuna mailing list dell’ Associazione “Il Maestrale”; le persone a cui ho inviato la lettera sono socie dell’Associazione solo in piccola parte,  amici che frequento. La lettera l’ ho inviata ad un elenco di persone al di fuori dei soci  e, per far ben comprendere questo ( ma c’è sempre chi non vuole o può capire) ho specificato, nella lettera stessa, che essa era a titolo strettamente personale; lei ha voluto pubblicare solo una parte di testo. Nella parte mancante chiarivo che la  mia non era per nulla impositiva, liberi tutti di scegliere, così come lo è chi frequenta la nostra associazione che al suo interno raccoglie persone di diverso credo politico e collabora con tante realtà spesso ben schierate ma ricche di pensiero condivisibile. Ricordi, Mingardi, che nelle mie intenzioni era solo un modo per valorizzare e far conoscere giovani che si affacciavano al mondo della politica con l’entusiasmo che anima chi vorrebbe  essere utile alla nostra comunità, mettendoci  la faccia in un mondo in cui tanti giovani sono restii a farlo. Ragazzi per bene e poco conosciuti ma molto intelligenti e preparati ognuno nel proprio settore.
                Inoltre le ricordo che la pubblicazione di una lettera è vietata dalla legge, nessuno, non destinatario, può pubblicare un e-mail a lui non indirizzata. Ma di questo se ne parlerà nelle sedi opportune.
                Sig. Alessandro Mingardi, pensi bene prima di scrivere un’analisi come quella che ha diffuso, vessatoria per le persone che a nulla serve se non per spargere  diffamazione sul piano personale e livore; è un mio spassionato suggerimento, si rischia di fare una brutta figura e di perdere quella credibilità raccolta in campagna elettorale con ingente sforzo. Nessuno ama chi semina vento.
Si ricordi, “il silenzio è il miglior surrogato dell’intelligenza”.
 
Adriano Arcangeli”
 
 

 

Altre storie dapolitica