Vai a…

RSS Feed

24 settembre 2018

Approvato il progetto “UN PARCO GIOCHI PER TUTTI”, ecco di cosa si tratta


Facebooktwittergoogle_plusmail

Palazzolo. Approvato il progetto definitivo “UN PARCO GIOCHI PER TUTTI” che consisterà nell’adeguamento di due parchi giochi esistenti mediante fornitura e posa di attrezzature ludiche di tipo inclusivo. I parchi pubblici individuati per questo progetto che più di altri, per la loro struttura e i servizi di cui sono dotati, si prestano ad ospitare
parchi giochi inclusivi sono quelli di:
1- PARCO DI VIA PEDRALI – LOCALITA’ MURA ALTA
2- PARCO PAPA GIOVANNI PAOLO II DI VIA ROSSINI – LOCALITA’ SAN GIUSEPPE

Cos’è un’area giochi inclusiva?
Un’area giochi inclusiva è uno spazio dove i bambini con disabilità fisiche o sensoriali o con problemi di movimento possono giocare e divertirsi in sicurezza, insieme a tutti gli altri. E per gioco inclusivo si intende un’attrezzatura che può essere utilizzata da una vasta gamma di utenti aventi diverse abilità, senza adattamenti particolari, senza progettazioni
speciali. La differenza tra una giostrina inclusiva ed una giostrina per disabili parte quindi dalla progettazione, studiata per consentire ai bambini di divertirsi assieme, senza barriere e senza divisioni.


Il progetto
Il progetto “UN PARCO GIOCHI PER TUTTI” intende creare parchi gioco fruibili non solo da utenti affetti da disabilità (forma segregante) ma bensì da bambini aventi ogni tipo
di abilità, tutti assieme in modo inclusivo, indipendentemente dalle loro capacità fisiche e mentali.
I giochi selezionati e contenuti nella presente proposta progettuale tengono conto sia dei parametri di accessibilità inclusiva sia delle norme di sicurezza generali dei parchi gioci al fine di creare parchi gioco non solo sicuri ma anche accessibili a tutti.
Per quanto riguarda la pavimentazione, nel progetto sono stati adottati gli opportuni e necessari accorgimenti (vialetti di avvicinamento opportunamente posizionati ed eliminazione dei gradini sulle vie di accesso, rasare bene l’erba) al fine di poter garantire positive opportunità nel gioco d’inclusione.

Altre storie daProgetti