Vai a…
RSS Feed

17 dicembre 2018

[INSIDE OUT] Sulla tristezza (e come usarla in modo efficace) – a cura di Simona Volpi


Facebooktwittergoogle_plusmail

Continua l’excursus sulle emozioni primordiali e la loro funzione essenziale:

COS’E’ LA TRISTEZZA?
“E’ una reazione sana e normale a qualsiasi guaio o sfortuna. Gran parte dei più intensi episodi di tristezza (forse tutti) sono suscitati dalla perdita o dalla previsione della perdita, di una persona amata o di ruoli e luoghi sociali amati e familiari. Una persona triste sa chi (o che cosa) ha perso e brama di recuperarlo” John Bowlby, Psicologo

In particolare, CHE COSA EVIDENZIA LA TRISTEZZA?
➤ invita a fare i conti con la sensazione di limitatezza, perché la tristezza esprime l’incontro fra il desiderio e i limiti e pone fra queste due istanze.
➤ spinge a fermarsi, ad allontanarsi provvisoriamente dal mondo esterno per focalizzarsi sul proprio mondo interiore, nell’elaborazione di ricordi, nell’evidenziare l’importanza di qualcosa o qualcuno che si sta perdendo o si ha perso.

COSA NON FERMA LA TRISTEZZA?
Quando sono triste, a differenza di quando ho un disturbo depressivo, contatto:
➤ la speranza, anche nella tristezza più cupa.
➤ il senso delle mie capacità e qualità personali.

COME USARE LA TRISTEZZA IN MODO FUNZIONALE?
➤ COME FORZA ATTIVA per affermare il mio bisogno di conforto e di vicinanza all’ altro;
➤ COME FORZA STIMOLANTE per elaborare un insuccesso, accompagnandomi a una valutazione e comprensione riguardo a ciò che è accaduto, l’utilità dei miei piani, dei miei sforzi.
➤ COME FORZA VITALE PERSONALE collegata a una separazione fisica o psichica, necessaria per costruire la mia identità d’individuo unico e separato (con le mie responsabilità, le mie potenzialità, le mie preferenze).
➤ COME FORZA RELAZIONALE INDISPENSABILE per elaborare un distacco, accettarlo come parte del mio percorso di acquisizione di consapevolezza personale che perme di riorganizzarmi ed affermarmi in modo nuovo.

E come posso comunicare nella relazione la mia tristezza, la mia delusione, il mio disappunto in modo efficace e utile?

TI ASPETTO AL LABORATORIO: COMUNICARE CON EFFICACIA 😉
a cura della Dott.ssa Volpi Simona, Psicologa-Psicoterapeuta individuale e di gruppo.

 

>>> Letture utili: I volti della tristezza. Un’analisi psicologicadi Anna Gorrese, 2003   

Altre storie daInside Out