Vai a…

RSS Feed

22 Febbraio 2019

[INSIDE OUT] Cos’è il disgusto e cosa fare (e non fare) quando proviamo quest’emozione, a cura della psicologa e psicoterapeuta Simona Volpi


Facebooktwittergoogle_plusmail

E con il disgusto si conclude la passeggiata fra le 6 emozioni primarie:

COS’E’ IL DISGUSTO?

E’ l’emozione che mi permette di cogliere il “brutto” e il “cattivo” di odori, di sapori, ma anche di comportamenti, innescando una reazione di ripugnanza che porta alla nausea e voglia di allontanare ciò per il quale sto provando queste sensazioni.

In particolare, A COSA SERVE IL DISGUSTO?

➤ a cogliere ciò che sento come ostacolo al mio benessere (coinvolgendo gusto ed olfatto, ma anche altri sensi).

➤ a stabilire dei confini, prendere le distanze, tenere sotto controllo ciò che potrebbe farmi star male, perché nocivo per me, o non lo gradisco, non lo tollero, ne sono insofferente o provo avversione. Come si può notare, gli aggettivi si adattano a cibi, persone, situazioni!

➤ in generale, permette di differenziare ciò che mi piace da ciò che non mi piace, e ciò che piace a me da ciò che piace a te, ponendo dei confini tra il me e l’altro.

COSA NON FARE (CHE SOLITAMENTE SI FA )?

allontanarsi o allontanare immediatamente la presenza di ciò che crea disgusto.

COSA FARE INVECE?

Essendo un’emozione estremamente ambivalente e mutevole (cambia da cultura a cultura, da famiglia a famiglia, da contesto a contesto), da individuo ad individuo è possibile

➤ concedersi di scoprire, cogliere alcuni aspetti avversi senza escluderne la totalità, per poterne apprezzare altre parti nuove o che prima si disprezzavano o non si consideravano.

Ricapitolando, il disgusto e le sue sfumature (avversione, insofferenza, intolleranza…) invocano l’allontanamento come tattica salvifica. E questo vale per cibi, situazioni e anche per le persone. Ma la distanza è una strategia davvero efficace nel caso di relazioni con criticità?

SCOPRIAMOLO AL CICLO DI INCONTRI “LE MIE RELAZIONI: come stabilire rapporti profondi con le persone che amiamo” 😉

a cura della Dott.ssa Volpi Simona, Psicologa-Psicoterapeuta individuale e di gruppo.

>>Letture utili: LA DANZA DELL’INTIMITA’ di Harriet Lerner, TEA, 1989

Altre storie daInside Out