Vai a…

QUI PALAZZOLO

Il Blog di Palazzolo sull'Oglio

CLICCA E SOSTIENI ‘HELIUM’

RSS Feed

20 giugno 2018

Diario

Svegliarsi alle sei, di Francesco Ghidotti

Anche stamattina, dopo una notte tribolata, chiamata alle 2,15 da parte di una parente che stava male, la sveglia è suonata, si fa per dire, alle 6,20. Da quando il Bono Carrara arrivava in bici a casa mia, appunto alle 6,15 per avviarci a Bergamo, méta il liceo scientifico con inizio lezioni alle 8,30, le sei e un

Nel XVII secolo il consiglio comunale prende provvedimenti in favore della scuola, di Francesco Ghidotti

Nel XVII secolo il consiglio comunale prende provvedimenti in favore della scuola   Palazzolo. Siamo negli anni precedenti lo scoppio della peste (1630-1631). Il consiglio comunale il 31 dicembre 1625 “con voti 24 affermativi e 7 contrari  deliberava che fosse riconosciuta al maestro rev. don Francesco Tura, l’esenzione dalla tasse personali per incoraggiarlo a prendere

La mia prima esperienza di scrittore di storia locale, di Francesco Ghidotti

Documenti dell’anno 1580 Interrompo i miei scritti sui Muraschi, perché vorrei parlare della mia prima esperienza di scrittore di storia locale. Sono passati cinquant’anni dell’uscita del volumetto “La visita apostolica di S. Carlo Borromeo alla parrocchia di Palazzolo sull’Oglio”, che la Società Storica Palazzolese aveva fatto stampare a Brescia quale supplemento alla rivista Memorie illustri

La statua di San Pietro, di Francesco Ghidotti

Sabato prossimo 27 giugno, una statua di san Pietro verrà portata processionalmente alla chiesa della Madonna di San Pietro, che sorge accanto al cimitero. Chiesa che anticamente sorgeva più a ovest, lungo la strada per Telgate e che veniva ricordata come San Pietro in valico. Nel terreno antistante il deposito dei materiali ferrosi, esiste una

Pause, di Francesco Ghidotti

Nel novembre 1987, quasi trent’anni fa, Franco Chiappa dava alle stampe la seconda parte degli “Annali quattrocenteschi palazzolesi” per gli anni 1466-1509. In apertura del volume, l’autore chiariva che “la prima parte degli Annali (anni 1402-1465) non è ancora completa e ho quindi deciso di pubblicare la seconda. La terza poi è di là da

Post più vecchi››